Sai tutto sugli Oasis? Mettiti alla prova con queste curiosità

Tante, come è naturale che sia, le curiosità e gli aneddoti su una delle band più famose al mondo. Sicuro di conoscerle tutte? Vediamo se sei pronto per Oasis: Supersonic, dal 7 al 9 novembre al cinema!

GUARDA LA GALLERIA

Tante, come è naturale che sia, le curiosità e gli aneddoti su una delle band più famose al mondo. Sicuro di conoscerle tutte? Vediamo se sei pronto per Oasis: Supersonic, dal 7 al 9 novembre al cinema!

Liam e Noel: Lennon, la Regina e quella volta alla tv italiana…
Partiamo dai suoi due protagonisti, i fratelli coltelli Gallagher. Liam sostiene di aver cominciato a interessarsi di musica dopo una sorta di esperienza paranormale nella quale avrebbe visto il fantasma di John Lennon. Crede negli alieni («Non mi spaventano – ha avuto modo di dichiarare – sono furbo come loro»), è un fanatico dello jogging e i suoi film preferiti sono Quadrophenia, Trainspotting, Seven e Scarface.

Se ti stai chiedendo perché canta sempre con le braccia dietro la schiena la riposta è: «perché riesco ad avere una voce ancora più potente!».

Noel è invece famoso per la sua lingua tagliente. Impossibile riportare tutte le sfuriate del più grande dei due fratelli, ma ne ricordiamo una che vede come involontario protagonista il conduttore televisivo Fabio Fazio: «Quella trasmissione italiana è stata un cazzo di strazio. E non parlo del playback, ma dell’intervista.» Ma il malcapito presentatore può consolarsi: Noel non risparmia nessuno, nemmeno la Regina. Infatti non si è fatto scrupoli ad affermare, parlando della Famiglia Reale, che «non vorrei i Reali morti, magari solo menomati. Asporterei solo un paio di gambe». Insomma, Dio salvi la Regina… dai Gallagher!

Record, Wonderwall… e la villa di Dinasty
Veniamo quindi a (What’s the story) Morning glory, l’album più famoso della band. Pubblicato nel 1995, è il terzo più venduto di sempre nella storia del Regno Unito (4,4 milioni di copie) dietro a Greatest Hits dei Queen e Sgt. Pepper’s dei Beatles. Per la cover del disco si decise di non usare la band ma due ragazzi qualunque ripresi in modo sfocato, per creare un alone di mistero e fascino, che camminano per Berwick Street a Londra.

Altra curiosità riguarda la dimora palladiana che compare nel videoclip di Don’t look back in Anger. Si chiama Arden Villa, fu costruita nel 1915 e si trova a Pasadena: è famosa perché è stata la location anche della soap opera Dynasty. Chiudiamo con il brano forse più famoso degli Oasis, Wonderwall.

La canzone aveva un titolo diverso originariamente, Wishing Stone, ed è stata concepita in un piovoso martedì notte ai Rockfield Studios in Galles. È stata riprodotta al funerale di Leah Betts, una teenager morta a 18 anni nel 1995 dopo aver assunto ecstasy ed è un esplicito omaggio a Wonderwall music, primo album solista di George Harrison.

Alla fine della canzone si può sentire debolmente un accenno di Supersonic suonata con una chitarra acustica. Proprio il brano che dà il titolo al film che ripercorre la storia del gruppo e che finalmente arriva nelle sale cinematografiche italiane.

Contatti

Lucky Red srl

Largo Italo Gemini 1
00161 Roma

T. 063759441
F. 0637352310